Molto più che una marmellata

Martedi mattina , approfittando di un timido raggio di sole comparso in una mattina di pioggia  , sono uscita con la mia dolce e inseparabile cagnolina.  Vivo in Trentino e qui abbiamo ancora la fortuna di avere dei posti incontaminati in cui la natura non viene raggiunta dai veleni dell'uomo. Ed è in uno di questi posti che mi sono avventurata alla ricerca dei fiori del tarassaco. Li ho raccolti per fare la marmellata . Il tarassaco ha tantissime proprie abbassa  il colesterolo, aiuta la digestione ,è un valido aiuto contro i reumatismi , possiede proprietà antibatteriche e antinfiammatorie . E' utile in caso di mal di gola.
Il momento migliore per raccogliere i fiori è  proprio in questo periodo. Questa era la ricetta che seguiva la mia nonna e io continuo la tradizione.


Ingredienti :



200 fiori di tarassaco belli grossi e integri , senza il gambo
1 limone biologico
1 litro d'acqua
500 gr di zucchero


Dopo aver raccolto i fiori  , una volta a casa si mettono a mollo in acqua per 10 minuti.






Si   scolano e si ripete altre 4 volte. Dopo averli scolati l'ultima volta si prendono uno per uno e si taglia il calice verde che altrimenti darebbe un retrogusto amaro al risultato finale. E' un lavoro un po' noioso anche perchè ti si appiccicano i petali sulle dita ma è importante farlo.


Fatto questo  si  versano i fiorellini in una pentola d'acciaio , si aggiunge la buccia grattuggiata e il succo del limone .






Si aggiunge 1/2 litro d'acqua e si porta a bollore a fiamma media e coperto. Si lascia bollire per 30 minuti a fuoco basso , sempre coperto, mescolando ogni tanto.
Si spegne e si lascia  il tutto fermo per 24 ore a riposare.


Trascorso questo tempo si filtra tutto e si rimette in pentola con lo zucchero . 
Io ho usato una garza di cotone










Si fa bollire a fiamma bassa per 30 / 40  minuti mescolando spesso.
Si versa bollente nei vasi . La consistenza a questo punto è liquida ma si addenserà fino ad avere la consistenza del miele , non molto di più.
Io li copro con 2 strofinacci  finchè le capsule dei barattoli creano il sottovuoto e poi li conservo al buio.
Il quantitativo che si ottiene è poco , solo 2 vasetti  e forse può risultare un po' laboriosa ma è buona spalmata sul pane e ha tante buone proprietà che valgono un po' di lavoro .









22 commenti:

  1. Molto interessante! Ma quanto zucchero si deve mettere? =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ero scordata di mettere il quantitativo di zucchero . Grazie , non me ne ero accorta !!!!!

      Elimina
  2. Ma che bello!! Ora voglio andarli a cercare anche io i fiori di Tarassaco :) Chissà se mi verrà una marmellata altrettanto deliziosa.. Non sono proprio una maga in cucina!! Un bacione e buon primo maggio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, sembra complicata ma poi non lo è. Dovresti riuscirci tranquillamente. Buon primo maggio anche a te , anche se ormai è quasi agli sgoccioli !

      Elimina
  3. ma pensa io di solito uso i boccioli che cuoci in aceto e poi condisco con olio!! così non li ho mai provati!! mi sono appena aggiunta al tuo blog..;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina ,per il commento e l'iscrizione che ricambio volentieri . Questa è una ricettina un po' particolare devo ammetterlo !!!

      Elimina
  4. this is super!
    i stay here, love your space

    www.malesclutch.blogspot.com
    Sergio,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hello and thanks for your comment Sergio .

      Elimina
  5. Non avevo mai sentito parlare di questa marmellata!
    Grazie per aver condiviso la ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Desy , che passi sempre !!!!

      Elimina
  6. che bella cosa portare avanti le tradizioni!
    ti seguo! Spero che ricambierai da me….
    http://namelessfashionblog.blogspot.it/
    http://www.facebook.com/NamelessFashionBlog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Elisa, certo che ricambio, anzi , l'ho fatto subito !! A presto

      Elimina
  7. Ma che brava!!! Sembra buonissima ed è bella da guardare, la ricetta dico. Ma che sapore ha? è simie al miele?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bianca , si ,il sapore e la consistenza sono simili a quelle del miele.

      Elimina
  8. ..ecco si me lo chiedevo anche io il sapore com'è??? brava mirtilla!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara !!! Peccato che ne escano solo 2 vasetti. Ma è come l'oro , bisognerebbe centellinarla , ma a noi piace tanto , sul pane o nello yogurt e poi fa tanto bene !

      Elimina
  9. Ciao, sono Antonella ed arrivo a Te grazie a Kreattiva: new follower!
    Molto carino qui, complimenti!
    Se Ti va di passare, sei la benvenuta nel mio angolino virtuale...
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella , grazie della visita. Ricambio volentieri !!

      Elimina
  10. ciao, passa da me che c'è una sorpresa ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Enrica ti ringrazio di cuore , come vedi sono passate e ho subito fatto il post !!!!

      Elimina
  11. Ciao!
    Questa ricetta ci ha lasciate di stucco! Non sapevamo si potesse fare queste cose con il tarassaco! WOW!
    Anche noi siamo blogger amanti del fai da te in tutte le sue forme, abbiamo visto il tuo blog su Kreattiva e visitato le tue pagine, e abbiamo deciso di darti un premio!! Vieni a trovarci per ritirarlo!!! :) Inoltre colgo l'occasione per informarti che stiamo organizzando un evento per pubblicizzare i vari blog di creatività sparsi nella rete, utilizzando come veicolo il programma web-radiofonico che conduciamo!
    Ti aspettiamo!!! :3
    Giada e Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissime Giulia e Giada , siete state davvero gentili a pensare a me per donare il premio. Vi ringrazio veramente tanto, tanto. Ho dato una sbirciatina a questa vostra particolarissima iniziativa e appena ho un pochino di tempo me la guarderò ben bene! Ancora grazie !

      Elimina